Messaggio
  • Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall’Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè di quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
    Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L’utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all’uso dei cookies sul vostro dispositivo.

Notizie
Notizie
Allo Slalom Torregrotta-Roccavaldina si impone Castiglione su Radical Stampa

 

Apertura del Campionato Italiano Slalom ad alto agonismo alla 23^ edizione della gara gara messinese organizzata dal Gianfranco Cunico Club, AC Messina e supportata dalla Amministrazione torrese. Il vincitore ha sovvertito tutto nella terza manche, quando Ingardia su Ghipard ha toccato un birillo dopo l’ex aequo nella 2^ con Schilace, 3° alla fine con la Radical.


Giuseppe Castiglione ha vinto il 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina, appuntamento inaugurale del Campionato Italiano Slalom, caratterizzato dalle appassionanti sfide sul filo dei centesimi di secondo. A fine seconda manche si è registrato un sorprendente ex aequo tra Girolamo Ingardia su Ghipard ed Emanuele Schillace su Radical, secondo e terzo rispettivamente alla fine ed entrambi con 158,15 punti nella 2^ salita, ovvero un tempo di 2’38”15, dopo che la vettura di Schillace è stata ripristinata a tempo record dalle conseguenze di una toccata nella prima salita di gara.

 

G Castiglione

 

Tutto si è deciso soltanto nella 3^ manche di gara, che ha reso ogni pronostico improbabile sino all’ultimo. Il trapanese Ingardia ha realizzato il miglior tempo della giornata in 2’36”11, tempo che non ha però permesso all’alfiere della Trapani Corse di agguantare la vittoria, per il contatto penalizzante con un birillo proprio nella 3^ e decisiva manche. L’altro trapanese e Campione Regionale in carica Giuseppe Castiglione della Armanno Corse, anche lui su Radical, ha agguantato la vittoria con un ritmo di gara incalzante ma non esagerato sull’insidioso fondo, superando di fatto Ingardia. Terza piazza, dunque, con primato tra i piloti di casa per la punta della TM Racing Emauele Schillace, con la biposto rimessa a posto. Lo stravolgimento dopo la 3^ manche ha assottigliato tutte le già esigue differenze di classifica. Altro intervento straordinario quello sulla Radical SR4 del campano Salvatore Venanzio, anche lui vittima di un contatto nella prima salita, ma che nella 2^ e nella 3^, ha sferrato un deciso attacco chiudendo sotto al podio con punti tricolori preziosi. 5^ piazza per il molisano Campione Italiano in carica Fabio Emanuele, alfiere della Campobasso Corse che alla sua prima volta sulla Osella PA 9/90 - Alfa Romeo, in versione 2018 con tanto di cambio al volante, ha preferito adeguarsi perfettamente alla biposto prima di tentare un rischioso affondo.

 

 

Il fine settimana quasi estivo ha favorito un grande afflusso di pubblico sin dalla vigilia nella cittadina tirrenica messinese, abituata alle invasioni di pubblico in occasione della partecipata gara organizzata dal locale Gianfranco Cunico Club in collaborazione con l’Automobile Club Messina ed il supporto dell’Amministrazione torrese, che ha visto ben 125 concorrenti al via.


In 6^ posizione ha concluso il giovane della Trapani Corse Giuseppe Gulotta, alla prima tricolore stagionale con la nuova ed aggiornata Radical tutta da conoscere a fondo, con cui ha preceduto il campano Luigi Vinaccia, che per l’esordio in campionato ha usato la versione più attempata della Osella PA 9/90, quella non dotata di cambio al volante e spinta dal motore Alfa Romeo, in attesa che la nuova biposto sia completamente rivisitata dalla Paco 74 Corse. Duello per l’ottava piazza tra Antonio Virgilio ed il siracusano di Viemme Corse Antonio Lastrina, entrambi su Radical SR4, come quella del portacolori della Giarre Corse Michele Puglisi, decimo al traguardo.


-“E’ stata una grande lotta - ha detto Castiglione - abbiamo provato delle soluzioni diverse tra la ricognizione e la prima manche per adeguare la biposto con le nuove configurazioni al fondo stradale, molto insidioso soprattutto nella prima manche. Ho attaccato a fondo nella seconda, pur evitando rischi eccessivi e poi nella terza sono andato più a fondo ma sempre senza esagerare, sono importanti i punti e capire la biposto”-.


-“Ho puntato tutto sull’agilità della Ghipard - è stato il commento di Ingardia - ho attaccato da subito ed ho visto che la monoposto mi permetteva di spingere, nella terza manche ci ho provato e sono riuscito a staccare la concorrenza più diretta, purtroppo un birillo mi ha tradito. Così abbiamo guadagnato questi punti importanti”-.


-“Il team ha fatto un lavoro superlativo dopo la toccata in prima manche - ha dichiarato Schillace - non pensavo di poter tornare competitivo dopo la scivolata ed il contatto. Invece la biposto mi ha dato fiducia, ho attaccato e ce l’ho fatta, anche se nella 3^ non tutto è andato per il meglio. Una gioia grande questa prestazione in gara”-.


-“E’ stata una gara test, anche se molto positiva e che mi ha soddisfatto - ha commentato Emanuele - devo abituarmi alle nuove configurazioni della mia macchina, come ad esempio il cambio al volante. Sono rimasto fedele al motore Alfa Romeo, secondo me con alto potenziale e molto affidabile”-.

 
 

Tra le auto coperte primato per il determinato vincitore del gruppo Speciale Marcello Bisogno su Fiat 127, che ha preceduto nell’assoluta il rientrante catanese Salvatore Lo Re, che al volante della Fiat 126 in versione Silhouette con motore di moto, ha sbaragliato il gruppo E2sh, dove il pilota di casa Salvatore Giunta su Fiat 126 è stato sfortunato per un problema alle sospensioni nella mattinata. In gruppo Prototipi ha vinto Manuele D’Antoni con l’estrema Fiat Cinquecento Maxi.


Apertura tricolore con successo pieno in gruppo E1 per il pilota di casa e portacolori Phoenix Domenico Gangemi, che ha sbaragliato gli avversari con la Fiat 127 di classe 1400. In gruppo A successo dell’etneo della Project Team Paolo Battiato con la Peugeot 106, mentre in gruppo N si è imposto il compagno di scuderia Antonino Carpentieri su Peugeot 106. Tra le scattanti bicilindriche affermazione per Domenico Manuli du Fiat 500 per i colori della Puntese Corse, in Racing Start miglior prestazione per Antonello Costa su Renault Clio.


Top ten 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina. 1 Castiglione (Radical SR4) a 2’37”88; 2 Ingardia (Ghipard Formula Ghip) a 0”27; 2 3 Schillace (Radical SR4) 0”27 ; 4 Venanzio (Radical SR4) a 0”39; 5 Emanuele (Osella PA 9/90 AR) a ”34; 6 Gulotta (Radical SR4) a 2”16; 7 Vinaccia (Osella PA 9/90 AR) a 3”71; 8 Virgilio (Radical SR4) a 4”22; 9 Lastrina A (Radical Pro Sport) a 5”15; 10 Puglisi (Radical Prosport) a 6”39.

 
 
Via alle sfide del 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina Stampa

 

Per i 125 verificati motori accesi dalle 8 di domani, domenica 29 aprile per la ricognizione, a seguire le tre manche della gara gara messinese prima del Campionato Italiano 2018 organizzata dal Gianfranco Cunico Club, AC Messina e supportata dalla Amministrazione torrese. Premiazione in Municipio a fine giornata

Verifiche Torregrotta

Il 23° Salom Torregrotta -Roccavaldina accenderà i motori alle 8 di domani, domenica 29 aprile con la manche di ricognizione per i 125 concorrenti che hanno portato a termine le operazioni preliminari che si sono svolte nel centro di Torregrotta.
Si è riempita l’area paddock nella zona industriale di Torregrotta, già meta di appassionati e curiosi che vogliono vivere l’evento sportivo torrese. Quarantacinque minuti dopo la fine della ricognizione sui 3,5 Km tra Torregrotta e Roccavaldina, partirà la prima delle tre manche di gara, al meglio delle quali per ciascun pilota, verrà redatta la classifica, che assegnerà i punti tricolori e quelli per il Campionato Siciliano. A fine gara, come da regolamento il parco chiuso, sulla Circonvallazione di Roccavaldina. La Cerimonia di Premiazione, concluderà l’evento torrese all’interno dell’Aula Consiliare, 45 minuti dopo l’apertura del parco chiuso finale. Un tracciato spettacolare ed emozionante, guidato e con tratti molto tecnici, intervallato da 13 postazioni di rallentamento.


Verifiche effettuate per tutti i big del tricolore e della serie promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia, che hanno così commentato alla vigilia dell’apertura del Campionato: Fabio Emanuele (Osella PA 9/90, 5 volte vincitore a Torregrotta) -“Abbiamo fatto notevoli modifiche, spero migliorative. Abbiamo modificato il peso, con un consistente alleggerimento. È arrivato anche il cambio al volante che ci renderà le manovre ancora più veloci. Abbiamo messo mano anche al propulsore, adesso totalmente revisionato”-. Giuseppe Gullotta (Radical) -“La gara è molto bella sia da un punto di vista organizzativo sia per il percorso. La macchina dovrebbe essere ok, almeno dai test in pista, sembra aver recuperato le noie tecniche che abbiamo dovuto fronteggiare lo scorso week end a Milena”-. Salvatore Giunta (Fiat 126 Suzuki) -“Da Salice abbiamo praticamente rivoluzionato la macchina, avevamo importanti problemi di assetto che abbiamo probabilmente risolto. La nostra Classe si presenta particolarmente combattuta anche grazie al ritorno di Lo Re”-. Salvatore Lo Re (Fait 126) -“Dopo anni, torno a guidare su questo percorso che mi ha regalato grandi soddisfazioni. La macchina dovrebbe essere apposto, ovviamente spero anche il pilota…”-.

2018 Verifiche Torregrotta

 

 
Avvio Tricolore in grande al 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina Stampa

 Pieno di iscritti con 130 adesioni e la presenza di tutti i nomi più accreditati alla gara messinese prima del Campionato Italiano 2018 con 22 scuderie rappresentate. Domani, sabato 28 aprile le verifiche e domenica 29 le tre manche di gara per l’evento organizzato dal Gianfranco Cunico Club, AC Messina e supportata dalla Amministrazione torrese.

 
Torregrotta (ME), 27 aprile 2018. Il 23° Salom Torregrotta -Roccavaldina apre il Campionato Italiano Slalom con il pienone di iscritti. La gara messinese organizzata dal Gianfranco Cunico Club di Torregrotta in collaborazione con l’Automobile Club Messina ed il supporto diretto dell’Amministrazione torrese, vanta un elenco approvato con oltre 130 concorrenti, tra cui figurano tutti i nomi più accreditati della massima serie tricolore di ACI Sport e del Campionato Siciliano di cui la competizione è terzo appuntamento dopo Salice e Milena. Sono 22 le scuderie rappresentate.
Domani, sabato 28 aprile, dalle 15.30 alle 19.30, presso il Municipio di Torregrotta e nella Piazza antistante, si svolgeranno le verifiche sportive, all’interno del palazzo comunale, mentre all’esterno quelle tecniche. La cittadina tirrenica è come sempre in grande fermento e già festosamente invasa da squadre e piloti che sono giunti sul posto, con i team che man mano prendono posto nelle aree loro assegnate sui viali dell’area artigianale della cittadina. Il clou si vivrà sabato, con le verifiche e domenica, quando alle 8 scatterà la ricognizione sui 3,5 Km tra Torregrotta e Roccavaldina, 45 minuti dopo il termine della ricognizione partirà la prima delle tre manche di gara, al meglio delle quelli per ciascun pilota, verrà redatta la classifica, che assegnerà i punti tricolori e quelli per il Campionato Siciliano. A fine gara, come da regolamento il parco chiuso, sulla Circonvallazione di Roccavaldina. La Cerimonia di Premiazione, concluderà l’evento torrese all’interno dell’Aula Consiliare, 45 minuti dopo l’apertura del parco chiuso finale. Un tracciato spettacolare ed emozionante, guidato e con tratti molto tecnici, intervallato da 13 postazioni di rallentamento.
 
Presenti tutti i big tricolori e regionali degli slalom, molti in arrivo da oltre stretto, ma numerosi anche quelli che oltre ai punti tricolori si sfideranno per il Campionato Siciliano. Tanti i nomi noti degli slalom e non solo, con le biposto sportscar spiccano ci sono il molisano pluri Campione Italiano, anche tricolore 2017 Fabio Emanuele su Osella PA 9/90, alfiere della Campobasso Corse; il trapanese della Armanno Corse Campione Italiano Under 23 Michele Poma su Ghipard, monoposto sukla quale saranno anche il messinese Giuseppe Bellini ed il trapanese Girolamo Ingardia. Saverio Miglionico, altro giovane molisano vincitore dell’edizione 2017, Emanuele Schillace, per i colori della peloritana TM Racing, giovane driver messinese che domenica scorsa ha vinto lo slalom Vallone e primo tra i messinesi lo scorso anno; i due giovani trapanesi sempre i vertici della serie regionale Giuseppe Castiglione della Armanno e Giuseppe Gullotta della Trapani Corse, come Vincenzo Pellegrino alfiere della agrigentina Project Team e il pilota di casa Santi Leo, tanche lui TM Racing, tutti sulle biposto Radical. L’esperto campano Luigi Vinaccia, pluri vincitore a Torregrotta e da sempre affezionato alla gara, sulla Osella PA 9/90, mentre il campano Vincenzo Manganiello sarà sulla Elia Avrio. Salvatore Giunta in casa sarà al via con l’estrema Fiat 126 con motore di derivazione motociclistica in versione silhouette, gemella la vettura dell’etneo della Catania Corse Salvatore Lo Re. Nella altra estrema categoria Prototipi Slalom spicca il portacolori Nebrosport Matteo Ruggeri su Peugeot 106, Manuel D’Antoni con la Fiat 500 Maxi, Santo Foti e Filippo Gugliotta con le A112, tutte con motore di derivazione motociclistico. Nella classe oltre 2000 del gruppo E1 immancabil eil pilota di casa Salvatore Scibilia con la Fiat Uno Turbo, l’esperto nisseno Maurizio Anzalone per i colori del Motr Team Nisseno sulla Renault Clio RS, il driver e preparatore Michele Ferrara rilancia su Peugeot 106 e l’altro pilota locale Domenico Gangemi su Fiat 127, portacolori Phoenix sulla Fiat 127, inizia una nuova scalata tricolore in classe 1400.
Calendario C.I. Slalom 2018: 29/04, 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina (ME); 20/05 26° Slalom Città di Campobasso (CB); 03/06 16° Slalom dell’Agro Ericino (TP); 17/06 33° Maxi Slalom Salerno - Croce di Cava (SA); 01/07 28° Salom di Trulli-Monopoli (BA); 09/09 Garessio - San Bernardo (CN); 30/09 11° Slalom Città di Bolca (VR); 14/10 17° Slalom Monte Condrò-Serrastretta (CZ).
 
Arrivato Ok per 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina Stampa

 

Superata quota 120 adesioni ed il via libera per il tracciato della gara organizzata dal Gianfranco Cunico Club, AC Messina e supportata dalla locale Amministrazione che sabato 28 e domenica 29 aprile apre il Campionato Italiano Slalom con tutti i big al via.


Tutto pronto per il 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina che sabato 28 e domenica 29 sarà round inaugurale del Campionato Italiano Slalom con un elenco iscritti da oltre 100 partecipanti. Arrivato il nulla osta da parte delle autorità competenti che hanno ispezionato il percorso di gara e le disposizioni di sicurezza predisposte dagli organizzatori del Gianfranco Cunico Club di Torregrotta in collaborazione con l’Automobile Club Messina ed il supporto diretto dell’Amministrazione torrese.


Con l’adesione di tutti i big tricolori e regionali degli slalom, si sono chiuse le iscrizioni e per gli oltre 120 concorrenti adesso si attende l’approvazione della Federazione prima della pubblicazione, anche se i nomi dei maggiori protagonisti annunciati della massima serie tricolore delle corse tra i brilli ci sono, sia quelli in arrivo da oltre stretto, sia quelli che oltre ai punti tricolori si sfideranno per il Campionato Siciliano, di cui la gara messinese è terza prova, ma a coefficiente di moltiplicazione del punteggio aumentato a 2.

Erregimedia928
 

Tra i nomi più altisonanti in gara con le sportscar spiccano quelli del molisano Campione Italiano 2017 Fabio Emanuele su Osella PA 9/90 e del trapanese Campione tricolore Under 23 Michele Poma su Ghipard, Saverio Miglionico, altro giovane molisano vincitore dell’edizione 2017, Emanuele Schillace giovane driver messinese reduce dalla vittoria di domenica scorsa allo slalom nisseno del Vallone e primo tra i messinesi lo scorso anno; Giuseppe Castiglione e Giuseppe Gullotta i due trapanesi sempre i vertici della serie regionale, come Vincenzo Pellegrino e il pilota di casa Santi Leo, tutti sulle Radical. Il campano Luigi Vinaccia, pluri vincitore a Torregrotta e da sempre affezionato alla gara, sulla Osella PA 9/90, mentre il catanese Domenico Polizzi ed il campano Vincenzo Manganiello saranno sulle Elia Avrio. Salvatore Giunta sarà al via con l’estrema Fiat 126 con motore di derivazione motociclistica in versione silhouette, mentre il driver e preparatore Michele Ferrara rilancia su Peugeot 106 e l’altro pilota locale Salvatore Gangemi su Fiat 127, entrambe auto di gruppo E1. Tra le lady confermata la presenza di Angelica Giamboi, come papà Alfredo sulle Fiat X1/9, mentre in allenamento per la Targa Florio la santateresina Jesica Miuccio su Renault Clio.


Un tracciato sinonimo di emozionanti sfide sui 3,5 Km che uniscono Torregrotta a Roccavaldina sulla SP 59, con ben 13 postazioni di rallentamento, le file di birilli tanti temute dagli specialisti degli slalom, molte le zone dove il pubblico può godersi lo spettacolo ad alta emozione in piena sicurezza, con vasti tratti panoramici. Gli organizzatori, come di consueto hanno predisposto tutte le misure necessarie per garantire il massimo dello spettacolo in piena serenità. Anche nella 23^ edizione il paddock è ricavato poco distante dallo start, negli ampi spazi dei viali della zona artigianale di Torregrotta.

Erregimedia9282

 
Il 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina apre il tricolore Stampa

Sabato 28 e domenica 29 aprile la gara organizzata dal Gianfranco Cunico Club, AC Messina e supportata dalla locale Amministrazione anche per il 2018 apre il Campionato Italiano Slalom.

Schillace Radical

Torregrotta (ME), 13 aprile 2018. Il Campionato Italiano Slalom si inaugurerà sabato 28 e domenica 29 aprile con il 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina, la gara organizzata dal Gianfranco Cunico Club di Torregrotta in collaborazione con l’Automobile Club Messina ed il supporto diretto dell’Amministrazione torrese. Per la competizione messinese, ormai classica delle corse tra i birilli, si tratta quasi di una consuetudine aprire la serie tricolore della cui validità è stata insignita per ben 20 edizioni. Sarà la prima delle otto gare di cui si compone il calendario tricolore che nei piloti siciliani vede sempre un buon numero di protagonisti. Sarà possibile inviare le iscrizioni all’AC Messina ed alla sede del Gianfranco Cunico Club sino a lunedì 23 aprile.
La macchina organizzativa è al lavoro da diverso tempo ed ha mostrato piena efficienza, come di consueto, anche verso gli imprevisti. Infatti, è stato immediatamente ripristinato un tratto del percorso di gara coinvolto in un consistente smottamento e subito oggetto di appositi interventi per riportare tutto alla normalità.
Il tracciato si snoderà, come consolidata tradizione sui 3,5 Km della SP 59 che uniscono Torregrotta a Roccavaldina, un percorso vario che assicura il massimo della spettacolarità con ben 13 postazioni di rallentamento, con diverse zone in cui il pubblico può assistere alle sfide tra i migliori piloti del panorama nazionale in piena sicurezza.
Come tradizione sabato 28 aprile si svolgeranno le verifiche nel centro di Torregrotta e domenica 29 la parola passerà ai motori ed al cronometro con la manche di ricognizione, seguita dalla tre manche di gara, al meglio delle quali si stilerà la classifica che assegnerà i punti tricolori e quelli regionali, ambiti da tanti protagonisti che hanno già annunciato la loro presenza in riva al Mar Tirreno.
 
 
Nel 2017 la vittoria del lucano della Campobasso Corse Saverio Miglionico su Radical SR4 di classe 1600, secondo alla fine di tre lunghe e combattute manche anche il trapanese Giuseppe Castiglione su Radical SR4, portacolori della Armanno Corse, terzo posto per il molisano Fabio Emanuele che si è battuto fino in fondo al volante della sua Osella PA 9/90 Alfa Romeo. Il vincitore si è imposto nella prima manche di gara con il tempo di 2’39”15.
 
Top ten 22° Slalom Torregrotta - Roccavaldina: 1 Miglionico (Radical SR4 1600) in 2’37”56; 2 Castiglione (Radical SR4 1600) a 0”50; 3 Emnuele (Osella PA 9/90) a 1”41; 4 Vinaccia (Osella PA 9/90 Honda) a 1”91; 5 Polizzi (Elia Avrio) a 2”41; 6 Venanzio (radical SR4 1600) a 3”20; 7 Schillace (Radical SR4 1400) a 3”62; 8 Manganiello (Elia Avrio) a 9”61; 9 Greco (Radical SR4 1600) a 10”95; 10 D’Urso (Radical SR 4 1600) a 11”97.
 
Calendario C.I. Slalom 2018: 29/04, 23° Slalom Torregrotta - Roccavaldina (ME); 20/05 26° Slalom Città di Campobasso (CB); 03/06 16° Slalom dell’Agro Ericino (TP); 17/06 33° Maxi Slalom Salerno - Croce di Cava (SA); 01/07 28° Salom di Trulli-Monopoli (BA); 09/09 Garessio - San Bernardo (CN); 30/09 11° Slalom Città di Bolca (VR); 14/10 17° Slalom Monte Condrò-Serrastretta (CZ).
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 7